3 GRAFICI MOSTRANO PERCHÉ IL PREZZO DEL BITCOIN È PRONTO A ESPLODERE ANCORA PIÙ IN ALTO

Bitcoin sembra pronto a raggiungere nuovi massimi di prezzo secondo una raffica di indicatori cruciali sulla catena.

L’analista Willy Woo ha elencato i segnali che hanno mostrato un aumento delle attività di trading di bitcoin nelle borse di criptovaluta degli Stati Uniti. Per esempio, una metrica che misura il saldo totale disponibile di BTC sulle piattaforme di trading ha segnalato un calo continuo delle riserve. Ha mostrato che i commercianti si sono costantemente trasformati in possessori di Crypto Bank a lungo termine, creando così uno shock dell’offerta sul mercato.

Nel frattempo, un sottoinsieme dello stesso indicatore ha mostrato le cosiddette „mani deboli“ che trasferiscono le loro proprietà di bitcoin a „mani forti“.

L’attività ha illustrato l’assorbimento della pressione di vendita. I trader con una propensione al rischio a breve termine hanno deciso di assicurarsi i loro profitti molto prima nella corsa al toro. Nel frattempo, quelli con una configurazione di investimento a lungo termine hanno deciso di acquistare bitcoin ai suoi massimi e minimi locali, controbilanciando la tendenza al ribasso con azioni di accumulo.

„Questo è follemente rialzista, naturalmente“, ha detto il signor Woo, indicando la chat qui sotto. „Le mani forti hanno comprato ogni tuffo che ha guidato il prezzo verso l’alto in modo ripido dal Q4 2020. Le barre rosse tracciano il numero di monete che passano da mani deboli a mani forti ogni giorno“.

LA FORNITURA M2

L’accumulo istituzionale di token Bitcoin è iniziato sullo sfondo dell’inflazione monetaria.

Governi, aziende e famiglie hanno raccolto 24 trilioni di dollari l’anno scorso per compensare il pedaggio economico della pandemia di coronavirus. Questo ha spinto il debito globale fino a 281 trilioni di dollari entro la fine del 2020, che ha raggiunto il 355% del prodotto interno lordo globale. Gli economisti notano che il debito aumenterebbe di altri 92 trilioni di dollari nel 2021, dato che le banche centrali mantengono i tassi di prestito ultra-bassi e i prestiti del governo aumentano.

Di conseguenza, le valute fiat rischiano di diventare più convenienti per i risparmiatori, comprese le aziende che siedono in cima a una massiccia quantità di riserve di liquidità. Solo negli Stati Uniti, le aziende hanno preso in prestito circa 2,5 trilioni di dollari sui mercati obbligazionari durante il 2020. Nel frattempo, l’indice del dollaro statunitense, un barometro per misurare la performance del biglietto verde contro un paniere di valute estere, è crollato di oltre il 12%.

NUOVO MASSIMO STORICO DEL BITCOIN

L’acquisto di bitcoin con eccessive riserve di denaro ultimamente è emerso come una strategia di investimento fuori dal comune. Aziende come Tesla, MicroStrategy, Square e Meitu hanno aggiunto miliardi di dollari di Bitcoin ai loro bilanci, facendo sperare che altre aziende copieranno le loro mosse.

„A mio parere, ciò che sta accadendo è che le istituzioni statunitensi e gli individui di alto valore netto stanno raccogliendo le monete disponibili da mani deboli e bloccandole come forti HODLers in risposta all’inflazione monetaria“, ha detto il signor Woo. „L’offerta di BTC di Coinbase che cade a picco suggerisce l’acquisto istituzionale degli Stati Uniti“.

Il fenomeno si aspetta di estendere la sua permanenza in quanto la Federal Reserve degli Stati Uniti decide di mantenere le sue politiche monetarie allentate fino al 2023. Nel frattempo, il pacchetto di stimolo del presidente Joe Biden da 1,9 trilioni di dollari, insieme ai suoi piani per aumentare la spesa infrastrutturale, ha anche fornito venti di coda al rally Bitcoin in corso.

Tra i rischi rimangono l’inasprimento delle politiche in mezzo alla ripresa economica degli Stati Uniti e i regolamenti rigorosi.